TINALS FOR PALESTINE
Passaporto e Bandiere

Cerca
Close this search box.

lov 072 – (This Is Not) Pesto – Calcutta – Massimiliano Marzucco

10.00

15 disponibili

Descrizione

Pesto (3’ 42’’)
Calcutta – 2018

Tra qualche anno ci guarderemo indietro e tra le certezze pop musicali di questa fine anni Dieci troveremo Calcutta – nome d’arte di Edoardo D’Erme, classe ‘89 di Latina – e le sue canzoni, uscite un po’ come la raffica lenta e rumorosa di un revolver. Pesto ha anticipato l’album Evergreen, seguito alla consacrazione arrivata con Mainstream (disco uscito nel 2015), ed è una ballata speciale, con sapori da cantautorato anni Settanta nella strofa e il tuono da cantare a squarciagola del ritornello. “Uè deficiente / Negli occhi ho una botte che perde / E lo sai perché / Perché mi sono innamorato / Mi ero addormentato di te”; Edoardo trascina le parole mentre alle sue spalle si stendono gli archi e il pianoforte, portando dietro di sé una cifra di fan incagliati alle sue melodie e alle sue parole. Forse il segreto di canzoni come Pesto è nella purezza emotiva che trasuda dalle parole, o forse dalla semplicità quasi adolescente, se non addirittura bambinesca – non infantile; bambinesca – delle frasi che la compongono. Percepiamo una ricerca d’affetto, ma affiora anche qualcosa di consolatorio, qualcosa del genere Non Arrenderti, Non Lasciarti Andare. E poi, sia come sia, tutti abbiamo pianto; nessuno aveva mai associato gli occhi a delle botti in perdita.

Massimiliano Marzucco
Massimiliano nasce, cresce e si mette a disegnare qualcosina, di solito donne e droga. “I’m a teenager” è un modo per mascherare la paura del tempo che passa. Attualmente, questa sopra, è la frase più intelligente che abbia mai scritto.

Vedi anche

15 disponibili

30 disponibili

19 disponibili

27 disponibili

30 disponibili

29 disponibili

25 disponibili

64 disponibili

29 disponibili

30 disponibili

29 disponibili

29 disponibili