CALL FOR ARTISTS
Disegna AIR e VENERUS vinci il VIVA! FESTIVAL

Cerca
Close this search box.

lov 131 – The National – Nobody else will be there – Sara Rizza

10.00

19 disponibili

Descrizione

Nobody Else Will Be There – 4’40”
The National (2017)

Un’elettronica accennata e sottotraccia fa da contrappunto al languido incedere di un piano sul quale la voce calda e sommessa di Matthew Donald “Matt” Berninger intesse una storia d’amore intermittente ambientata in una fredda ma “splendida” New York. Si apre così Sleep Well Beast, il settimo album dei National: con una ballad notturna e implorante intitolata Nobody Else Will Be There. Lei mette in dubbio la loro relazione e lui le chiede di incontrarsi nella tromba delle scale per un bicchiere di gin, che almeno “nessun altro sarà lì”.
È dall’uscita del loro ominimo esordio discografico del 2001 che la band di Cincinnati ha inanellato una dietro l’altra canzoni struggenti e devastanti nelle quali sprofondare. Un indie rock mai troppo aspro, con aperture pop e lancinanti discese introspettive, che trova la sua formula perfetta in ballate senza tempo. Proprio come Nobody Else Will Be There: una richiesta d’amore elegante e disperata allo stesso tempo. Impossibile restarne indifferenti quando la voce si impenna e canta: “Hey baby, where were you back then? / When I needed your hand”. E poi le chiede di andare a casa (“Can’t we just go home?”) che i loro “arrivederci” durano sempre troppo, almeno mezz’ora. I need you alone.

Sara Rizza
“Sara Rizza cresce a Siracusa e si trasferisce a Milano nel 2010 per studiare Design. Ama i concerti, fare foto agli sconosciuti in metropolitana e le narrazioni distopiche. Nella vita vuole mangiare parmigiana di melanzane in riva al mare ma attualmente lavora in un’agenzia di Service Design milanese.”

Vedi anche

20 disponibili

28 disponibili

28 disponibili

30 disponibili

28 disponibili

28 disponibili